Sardegna - Selvaggio Blu  

 

 

 

 Il più bel trekking d'Europa? Provare per credere!!

Un itinerario che ci accompagnerà da Santa Maria Navarrese a Cala Goloritze, Cala Biriola e Cala Sisine passando per le più belle spiagge di questa zona della Sardegna caratterizzata da un paesaggio ancora incontaminato, dove si proverà la sensazione di essere i primi ad attraversare questi splendidi luoghi.

Il trekking può essere diviso in due parti percorribili in periodi diversi dell'anno ed interscambiabili tra loro o essere svolto in un'unica soluzione.

Nota Bene: al momento in cui è stato definito questo programma l'accesso a Cala Sisine è ostruito da una grossa frana, quindi il programma alternativo, qualora non si fosse risolta la situazione, prevede nell'ultima tappa un'emozionante discesa in corda doppia a Cala Biriola.

Guarda il video qui

 

Prossime partenze:

04 maggio 2016

14 ottobre 2016


Le iscrizioni verranno chiuse
una settimana prima della data di partenza.

Durata:

Versione in due parti: Ogni parte prevede 3 giorni di cammino e 3 bivacchi

Versione in unica soluzione: 5 gg. di cammino, 4 notti con bivacco all’aperto e una in un ovile tipico del Supramonte di Baunei.  


Livello: buoni escursionisti. Si tratta di un percorso impegnativo con qualche difficoltà alpinistica superabile anche da chi è poco esperto grazie all'assistenza della guida alpina.

 

Programma di massima in due parti (possono esserci variazioni)

Prima parte: Pedralonga - Cala Goloritze

Incontro a Genova mercoledì alle ore 18,30 o a Pedralonga il giorno dopo.

Giovedì: trasferimento a Pedralonga luogo di partenza di Selvaggio blu. Dopo il pranzo al sacco e un ultimo controllo degli zaini partiamo verso le 15 per il trekking.

In circa 2 – 3 ore percorriamo la cengia Girardili e superato l'ovile Us Piggius troviamo un comodo posto da bivacco sotto un grande leccio pluricentenario.

Dopo cena prepariamo la zona da bivacco e andiamo a dormire sotto le stelle.

Venerdì: dopo colazione partiamo per la tappa detta “dei lunghi coltelli” che ci porta a Porto Petrosu. Spendiamo la mattinata ad attraversare l'altopiano che si sviluppa tra Punta Girardili - Monte Ginnircu e la Grotta dei Colombi.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo al sacco, affrontiamo il primo tratto con difficoltà alpinistiche: Bacu Tenadili - Capo Montesantu. Una discesa abbastanza tranquilla ci porta nel “bacu” dove si trova Porto Petrosu.

Meritato bagno nelle acque cristalline della baia. Cena e bivacco sotto lecci e olivastri della “codula”.

Sabato: dopo la prima colazione partiamo alla volta di Porto Quau raggiungibile in circa 20 minuti.

Percorriamo i sentieri degli antichi carbonai costeggiando l'alta falesia che, superando altopiani, duri campi solcati e fresche vallette con splendidi olivastri e scale fatte dai pastori con tronchi di ginepro “iscala e fustes”, porta a punta Salinas, uno dei punti panoramici più belli di tutto il trekking.

Si scende poi a cala Goloritze, dove è possibile fare uno splendido bagno in una delle più belle spiagge del mediterraneo. Nel pomeriggio si risale all’ovile Piras in località Iribidossili, dove si cena con ottimi prodotti locali.

Pernottamento presso l'ovile.

Domenica: dopo la prima colazione Salvatore Piras, padrone dell'ovile, ci riporta a Pedralonga da dove riprenderemo le macchine e patiremo alla volta di Porto Torres. Qui ci imbarchiamo alla sera per Genova.

 

Seconda parte: Cala Goloritze - Cala Sisine o Cala Biriola.

Incontro a Genova mercoledì alle 18,30 o a Baunei il giorno dopo.

Giovedì: trasferimento a Baunei e successivamente al Golgo luogo di partenza di Selvaggio blu “seconda parte”.

Dopo un ultimo sguardo agli zaini si parte verso le 15 per il trekking.

La prima meta è punta Salinas che è uno dei punti panoramici più belli di tutto il trekking.

Scendiamo poi a cala Goloritze, dove chi vuole, può fare uno splendido bagno in una delle più belle spiagge del mediterraneo. Bivacco a cala Goloritze.

Venerdì: dopo la colazione partiamo per la bellissima ed impegnativa tappa che ci porta in circa 8 ore di cammino a Bacu Mudaloru passando per Bacu Boladina e Serra Lattone. L'impegnativa tappa prevede un breve tratto di arrampicata fino al IV grado e due discese in corda doppia. Bivacco a Bacu Mudaloru o in riparate caverne a seconda delle condizioni meteo.

Sabato: dopo la prima colazione partiamo alla volta di Cala Sisine o Cala Biriola dove giungiamo passando per luoghi veramente misteriosi e caratteristici. Si fanno calate in corda doppia e facili passaggi di arrampicata.

Chi vuole può fare un bel bagno e rilassarsi al sole in una delle più belle spiagge della Sardegna. Rientro all’ovile Ololbissi dove si cena e pernotta consumando ottimi prodotti locali.

Domenica: dopo la colazione ci si sposta al Golgo in fuori strada per visitare il caratteristico luogo. Dopo pranzo ripartiamo alla volta di Porto Torres dove alla sera ci imbarchiamo per Genova.

 

Programma di massima unica soluzione integrale (possono esserci variazioni.)
Incontro a Genova mercoledì alle ore 18,30 o a Pedralonga il giorno dopo.

Giovedì: trasferimento a Pedralonga luogo di partenza di Selvaggio blu. Dopo pranzo e un ultimo controllo degli zaini partiamo verso le 15 per il trekking.

In circa 2 – 3 ore percorriamo la cengia Girardili e superato l'ovile Us Piggius troviamo un comodo posto da bivacco sotto un grande leccio pluricentenario.

Dopo cena prepariamo la zona da bivacco e andiamo a dormire sotto le stelle.

venerdì: dopo colazione partiamo per la tappa detta “dei lunghi coltelli” che ci porta a Porto Petrosu. Spendiamo la mattinata ad attraversare l'altopiano che si sviluppa tra Punta Girardili, Monte Ginnircu e la Grotta dei Colombi.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo al sacco, affrontiamo il primo tratto con difficoltà alpinistiche: Bacu Tenadili in vicinanza di Capo Montesanto. Una discesa abbastanza tranquilla ci porta poi nel “bacu” dove si trova Porto Petrosu.

Meritato bagno nelle acque cristalline della baia. Cena e bivacco sotto lecci e olivastri della “codula”.

sabato: dopo la prima colazione partiamo alla volta di Porto Quau raggiungibile in circa 20 minuti.

Percorriamo i sentieri degli antichi carbonai costeggiando l'alta falesia che, superando altopiani, duri campi solcati e fresche vallette con splendidi olivastri e scale fatte dai pastori con tronchi di ginepro “iscala fustes”, porta a punta Salinas, uno dei punti panoramici più belli di tutto il trekking.

Si scende poi a cala Goloritze, dove c’è la famosa Aguglia detta anche Monte Caroddi (monte carota) dove è possibile fare uno splendido bagno in una delle più belle spiagge del mediterraneo.

domenica: dopo la colazione partiamo per la bellissima e impegnativa tappa che ci porta in circa 8 ore di cammino a Bacu Mudaloru passando per Bacu Boladina e Serra Lattone. L'impegnativa tappa prevede un breve tratto di arrampicata fino al IV grado e due discese in corda doppia. Bivacco a Bacu Mudaloru o in riparate caverne a seconda delle condizioni meteo.

lunedi: dopo la prima colazione partiamo alla volta di Cala Sisine o Cala Biriola dove giungiamo passando per passaggi veramente misteriosi e caratteristici. Si fanno calate in corda doppia e facili passaggi di arrampicata.

Chi vuole può fare uno bel bagno e rilassarsi al sole in una delle più belle spiagge della Sardegna. Rientro all’ovile Ololbissi dove si cena e pernotta consumando ottimi prodotti locali.

martedi: dopo la colazione ci si sposta al Golgo in fuori strada per visitare il caratteristico luogo. Dopo pranzo ripartiamo alla volta di Porto Torres, dove la sera ci imbarchiamo per Genova.

 

Costo: Due parti: € 400 a persona, per parte (gruppo 2 persone), € 350 a testa (gruppo 3 o più persone), più tutte le spese di viaggio della Guida .

Unica soluzione € 800 a persona (gruppo 2 persone), € 750 a persona (gruppo di 3 o più partecipanti), più tutte le spese di viaggio della Guida .


Le quota comprende
Accompagnamento della Guida alpina, viveri e acqua durante il trekking, supporto delle organizzazioni locali nei posti da bivacco per il trasporto dei viveri e il recupero a fine trekking, attrezzatura alpinistica collettiva.

La quota NON comprende
Traversate per e dalla Sardegna, eventuali trasferimenti privati a terra e in mare e tutto quello che non è specificato alla voce precedente.

Equipaggiamento:

Zaino 50/60 lt, sacco a pelo leggero (0/+5 °C), materassino, imbragatura, un moschettone a ghiera, un cordino di 2 m. diam. min. 7 mm, lampada frontale, tazza, piatto, posate, scarpe da trekking collaudate, ciabatte o sandali leggeri, 3 magliette possibilmente bianche o di colore comunque chiaro, 3 ricambi di biancheria, costume da bagno, robusti pantaloni in tela, pantaloncini corti, felpa in cotone o pile leggero, giacca vento leggera, mantellina o poncho antipioggia (utile anche come ricovero di emergenza in caso di pioggia) 16 mt. di spago sottile, cappello, crema ed occhiali da sole, repellente per insetti, asciugamano, occorrente per toilette, piccolo pronto soccorso personale.

 

Per info ed iscrizioni: segreteria@ufficioguidefinale.it o mob. +39 335 387441

N.B. Trekking non fattibile per via del troppo caldo da inizio giugno a metà settembre. Possibilità di altre date su prenotazione contattandoci ai recapiti indicati.



COME RAGGIUNGERE LA SARDEGNA!

Qualche INFORMAZIONE PER RAGGIUNGERE "low cost" LA SARDEGNA DAL CONTINENTE
1) via mare: http://www.traghettilines.it/ porto consigliato: Olbia o Porto Torres o Arbatax
2) via aerea http://www.ryanair.it/ consigliabile volare su Cagliari +corriera
3) trasporti pubblici su tutta l'isola http://www.arst.it/

 

 

Provare per credere!



Segui i nostri aggiornamenti:
Facebook Logo   Youtube Logo

Condividi questa pagina con i tuoi amici:


Prossimamente

29 maggio 2016

29 maggio 2016

Vai al calendario completo >>



Ultime uscite

17 dicembre 2015

Due vie lunghe su roccia super in una giornata di “mezzo inverno”!


01 novembre 2015
Reportage degli ultimi due viaggi in terra sarda... Spalancate gli occhi!

02 agosto 2015

Grande due giorni di William sul Corno Stella..

 


24 maggio 2015

Viaggio con gli sci nella regione dei fiordi occidentali.

 


02 maggio 2015

Allegra e proficua mattinata sulle pareti di Finale...


01 maggio 2015

Corso di Arrampicata avanzato con Mirella, Paola, Federico, Giuseppe e Joy...


Archivio completo >>